La pasta n’casciata, il piatto di cui va ghiotto il commissario Montalbano. Ricetta e curiosità

Una versione più caratteristica della classica pasta al forno siciliana: è la pasta n’casciata, il piatto preferito del commissario Montalbano, capace di mangiarne anche un’intera teglia nella sua suggestiva casa di Marinella, affacciata sul mare di Punta Secca, in provincia di Ragusa. Ma vediamo subito di cosa si tratta. E’ una pasta composta da un solo strato di maccheroni conditi con ragù, melanzane fritte e caciocavallo. La cottura al forno serve per rendere croccante al punto giusto la consistenza della pasta e far in modo che si formi una golosa crosticina. Le origini di tale ricetta sono probabilmente da ricondurre ad una buona abitudine tutta siciliana di non sprecare nulla degli avanzi dei pasti. La pasta infatti viene generalmente cotta anche un giorno prima. Le brave nonne dell’isola sperimentano da sempre gustose varianti, aggiungendo piselli, uova o qualsiasi altro ingrediente da riciclare, con un buon formaggio rigorosamente locale a legare il tutto. Nella parte occidentale della Sicilia, soprattutto in provincia di Palermo, la versione di questa pasta al forno sui generis prevede la sola salsa di pomodoro, mentre nella provincia di Messina è d’obbligo il ragù: carne trita rosolata con un soffritto di cipolla tritata e sfumata con un bicchiere di vino bianco. Nella parte sud orientale esiste invece una versione a più strati preparata con la lasagna fresca e le melanzane fritte tagliate a fette: una sorta di parmigiana di pasta di cui vi parleremo presto sul nostro blog.

Per accompagnare la pasta n’casciata non possiamo che consigliarvi un buon calice di Nero d’Avola.

La ricetta della pasta n’casciata alla messinese

Ingredienti
500 g pasta tipo maccheroni
400 g carne trita
1 cipolla
250 g formaggio caciocavallo
100 g Parmigiano Reggiano
2 melanzane
foglie di basilico
salsa di pomodoro
sale
olio extravergine di oliva

Procedimento
Lavate e affettate le melanzane a dadini, spolveratele con del sale grosso e lasciatele per un’ora a perdere l’acqua dentro uno scolapasta. Dopodiché sciacquatele sotto l’acqua e poi tamponatele fino ad asciugarle. Friggetele in una padella con abbondante olio extravergine di oliva, quindi scolatele per bene. Affettate la cipolla e fatela soffriggere in olio extravergine di oliva. Aggiungete poi la carne tritata, sfumate con un bicchiere di vino e lasciate cuocere per circa dieci minuti. Unite poi qualche cucchiaio di salsa di pomodoro alla carne e continuate la cottura per un’ora circa. In una pentola cuocete la pasta e scolatela al dente. Versatela dunque in una teglia insieme al sugo, le melanzane, il caciocavallo tagliato a striscioline, il basilico e infine una spolverata di Parmigiano. Infornate a 180° per 15 minuti e poi servite.

Fonte: lacucinaitaliana.it

Facebook
Google+
https://www.hotel-venus.it/la-pasta-ncasciata-il-piatto-di-cui-va-ghiotto-il-commissario-montalbano-ricetta-e-curiosita">
Twitter